Pianigiani: “Primo posto meritato. James? Aveva dolore, non so”

di Fabio Cavagnera
Vedi letture
Foto

“Abbiamo fatto una buona partita, solida per come siamo adesso, in cui dobbiamo fare un lavoro specifico sui giocatori per i playoff, mancandoci anche degli esterni”, così Simone Pianigiani commenta il successo sul campo di Trento. L’analisi del match: “Siamo partiti con l’approccio giusto e decidendo noi il ritmo, fino a quando abbiamo avuto energie - ha proseguito il tecnico biancorosso - Avevo detto che sarebbe stata una partita di playoff, contro una squadra in forma e così è stato, come era giusto che sia. Complessivamente in difesa buona partita, di mentalità ci siamo stati”. 

Nel terzo periodo solamente sei punti segnati: “Siamo stati poco fluidi, abbiamo camminato un po’, sbagliando tanti tiri liberi anche con le guardie. Di sostanza, però, abbiamo sempre condotto”. Ottenendo il successo nel supplementare, dopo lo shock avuto per il problema fisico al leader biancorosso: “Mi fa piacere che,nei minuti finali, la squadra ha reagito all’infortunio di James e ci teneva a blindare il primo posto, che ci siamo ampiamente meritati per quanto fatto in stagione regolare”. 

Ovviamente in primo piano c’è l’infortunio a James: “Obiettivamente adesso non so. Lui non è un ragazzo che fa scena o si impressiona, ho visto che aveva molto dolore e gli è scesa qualche lacrima. Quest’anno è così, tutti i nostri giocatori di livello più alto sono fuori, cioè James, Nedovic e Gudaitis e altri non sono brillantissimi”. Il pensiero verso i playoff: “Abbiamo altre due settimane di tranquillità per farci trovare pronti, in un campionato equilibratissimo dove tutti vogliono e possono vincere. Noi dobbiamo usare al meglio queste due settimane, contarci e mettere l’elmetto”. 

LEGGI ANCHE LA CRONACA E LE PAGELLE DI TRENTO-MILANO


Altre notizie